Spazio teatro Celle: omaggio a Pietro Porcinai
Beverly Pepper
1992 - ghisa, tufo, terra (foto: Maurizio Gomez Serito, Studio MGS)

Tra il lago e la palazzina del Tè, l'artista ha sfruttato un ampio spazio degradante per creare una scultura che è, al tempo stesso, un'opera d'arte autonoma e un teatro funzionante. Qui d'estate si tengono spettacoli di musica, danza e altri tipi di performance in chiave contemporanea.In fondo alla collina già a forma naturale di anfiteatro, la Pepper ha realizzato due forme piramidali con alcuni muri ricoperti di pannelli a bassorilievo in ghisa che fungono da quinte. In cima al declivio due "colonne precursori" in ghisa si ergono come sentinelle e tracciano nell'apertura l'immagine di un diapason. Tra colonne e muri si estende una platea dove le gradinate, delineate con blocchi di tufo e ricoperte d'erba, fungono da sedute per circa trecento spettatori.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti, per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. OK   LEGGI DI PIÙ