Cerchi del tempo
Alan Sonfist
1987 - bronzo, pietra galestro, essenze vegetali

L'artista ha scelto una collina agricola in prossimità del parco per creare una serie di anelli che tracciano la storia del paesaggio toscano, dalla nascita alla contemporaneità. Al centro "la sacra foresta primordiale", testimoniata da una serie di piante agli esordi evolutivi della Toscana, contornata  da rami rinvenuti nel bosco e fusi in bronzo, chiamati a svolgere il ruolo di "guardiani della foresta".

Il cerchio successivo è formato da una spessa siepe di alloro, introdotto in Italia ai tempi dell'antica Grecia dove veniva usato per  incoronare gli eroi e i poeti. Tra il cerchio di  rami e quello  dell'alloro nasce spontaneamente il timo, thime in inglese, creando un gioco di parola con time, ovvero tempo. Attorno ad esso l'anello di galestro (testimonianza della zona vinicola produttiva del marchio "Chianti") estratto dallo stesso sottosuolo, destinato com'è noto a erodersi nel tempo per tornare nuovamente a confondersi  con la terra. Infine il grande cerchio preesistente di ulivi, che è stato la fonte ispiratrice dell'artista. Tutto quanto riconferma l'uso agricolo della terra, concetto rinforzato dal cerchio successivo di grano, seminato ogni anno, che a luglio offre l'aura immagine  che racchiude l'intera installazione.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti, per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. OK   LEGGI DI PIÙ