Indietro ->
Le tre pietre
1985 - vetroresina e pietra

Il sentiero principale che affianca il lago grande si dipana intorno a tre apparenti monoliti di figure femminili, immobili e inquietanti, guardiane del cuore del parco. I lecci, il pungitopo e le altre specie naturali del sottobosco che le circondano, rendono misteriosa la lettura dell'opera. Una figura è sdraiata sulla schiena con le ginocchia piegate; una supina affonda il corpo nel terreno e infine la terza si erge sulla superficie.
Un leggero strato di muschio, cresciuto sulla superficie delle figure, contribuisce all'ambiguità del materiale. Infatti l'artista ha adottato una originale tecnica, creando le forme in dimensioni naturali servendosi prima di fibra vetroresina come supporto, ricoprendola poi totalmente di pietra. Infine la superficie è stata lavorata a scalpello fino a ritrovare la forma precedentemente creata con la vetroresina ma i residui di pietra incollati creano l'illusione di forme monolitiche.

Olavi Lanu

Olavi Lanu (Viipuri, Finlandia 1925 -- Lahti, Finlandia 2015).

Ha rappresentato la Finlandia alla Biennale di Sao Paulo nel 1967 e alla Biennale di Venezia nel 1978. Negli ultimi anni preferisce installare le sue opere all'interno dei boschi finlandesi. E' ben rappresentato con opere in fieno, muschio e corteccia a Retretti, sede del più grande centro per le arti visive e performative del suo paese. Nel parco di Kariniemi l'artista da anni sta portando avanti il suo progetto monografico conosciuto come il Lanu Sculture Park.

IT   EN
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti, per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. OK   LEGGI DI PIÙ