Indietro ->
Servi muti
1988 - bronzo

L'installazione, situata sotto un enorme platano, accoglie i visitatori all'entrata della collezione. Tre figure a misura d'uomo,bendate sorreggono un piano tondo sul quale è visibile un disegno a rilievo: dall'abbondanza di una cornucopia fuoriesce una città che a sua volta viene inghiottita da un mostruoso pesce.
L'opera si fa metafora dell'umano esistere: i tre uomini portano dignitosamente la loro condizione subalterna e la benda sui loro occhi accentua il senso di indefinibile attesa.

Roberto Barni

Nato a Pistoia nel 1939 Roberto Barni vive e lavora oggi a Firenze.
Tra le sue mostre personali recenti ricordiamo quelle tenute al: Museo Marini Marini, Firenze (1994); Fort Griffon, Besançon, Francia (1995); Palazzo Fabroni, Pistoia (1997); Espace Mira Phalaina, Centre d'art moderne, Parigi-Montreuil (1997); Museo delle Belle Arti, Budapest (1997); Musée des Beaux Arts, Reims (1999); Kunstverein Ludwigsburg, Ludwigsburg, Germania (2002); Teatro India, Roma (2005); Castello di Malcesine, Malcesine (2005); Marlborough Gallery, Monte Carlo (2007) Giardino di Boboli, Firenze (2007); Galleria Roberta Santamarta, Milano (2008); Palazzo Forti, Verona (2008); Fondazione Mudima, Milano (2008).
Le sue opere permanenti sono visibili in Italia presso: Piazza della Sala, Pistoia; Giardino di Daniel Spoerri, Seggiano (GR); Fattoria la Loggia, San Casciano Val di Pesa (SI); Piazza Roberto Castellano, Poggio a Caiano (Prato).

IT   EN
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti, per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. OK   LEGGI DI PIÙ