Indietro ->
La mia idea del cosmo
2000 - piombo, alluminio

Nell'estate 2000 Mattiacci tiene a Cascina Terrarossa una grande mostra personale, progettando una serie di installazioni per i vari ambienti. Il respiro delle opere e l'impegno dell'artista non potevano non lasciare una traccia duratura nella collezione e così in una stanza della fattoria l'artista marchigiano riassume la sua idea in un'opera destinata a rimanere permanente. Chi si affaccia alla stanza galassia nota subito che, a differenza degli altri ambienti nel corridoio, il lavoro non è concepito per le pareti ma per invadere il pavimento. Infatti in mezzo a un "mare" di sfere di piombo che nascondono la pavimentazione in cotto, galleggiano tre pianeti in alluminio, portatori di segni astratti "a vortice". Una è leggibile come una sfera completa appoggiata alle piccole sfere di piombo, le altre due sono semisfere che alludono a una forma che continua sotto il livello del pavimento.

Eliseo Mattiacci

Eliseo Mattiacci nasce a Cagli (Pesaro) dove ancora oggi vive e lavora. Tra le sue numerose mostre personali ricordiamo qui: Galleria dell'Oca, Roma (1991/2004); Museo di Capodimonte, Napoli (1991); Cava di Sant'Anna, Passo del Furlo (Pesaro) (1992); PradaMilanoArte, Milano (1993); Alexanderplatz, Berlin (1993); Museo d'Arte Moderna, Bolzano (1996); Centro per le Arti Visive Pescheria, Pesaro (1996); Galleria Casoli, Milan (1997); Centro per la scultura contemporanea, Zona archeologica, Cagli (Pesaro) (1997 ); Galleria Spazia, Bologna (1998); Collezione Gori, Pistoia (2000); Studio Casoli, Milan (2000-01); "Capta spazio", Galleria dello Scudo, Verona (2002-2003); Monastero delle Lucrezie, Todi (Perugia) (2004). Galleria Persano, Torino (2008); Premio di Staffolo, Staffolo AN (2008); Cantina Icario, Montepulciano (2008).

Tra le più recenti collettive segnaliamo: La GAM construisce il suo futuro, GAM, Torino (2001); Back-up, MLAC, Roma (2003); La scultura italiana del XX secolo, Fondazione Arnaldo Pomodoro, Milano (2005); Area '70, Galleria Cannaviello, Milano (2005); XII Biennale internazionale della scultura di Carrara, Carrara (2006); Il settimo splendore: La modernità della malinconia, Palazzo Forti, Verona (2007).

Nel 2008 il Presidente della Repubblica Italiana gli ha conferito il premio "Antonio Feltrinelli " per la scultura.

IT   EN
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti, per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. OK   LEGGI DI PIÙ