Serpe
Luigi Mainolfi
1986 - terracotta, acqua

L'artista ha scelto di lavorare nella torre di sinistra della fattoria dove la scala d'arrivo sale due piani intorno ad un'apertura rettangolare che un tempo fungeva da tramoggia per i cereali. In questo spazio marginale Mainolfi ha scelto la terracotta naturale per realizzare una figura biomorfa che, dallo specchio d'acqua in fondo, si erge oltre cinque metri. Colonna vivente la cui superficie è trattata da impronte che somigliano alla pelle di un rettile, è munita di antenne, con la bocca spalancata e l'aria minacciosa rivolta verso l'alto, protesa nel tentativo di uscire. Nelle pareti di fianco una quantità di piccole forme organiche in terracotta simili ad animaletti acquatici , segue la "serpe" con lo stesso proposito di fuga.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti, per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. OK   LEGGI DI PIÙ