Labirinto
Robert Morris
1982 - trani e serpentina, cemento

Nel parco di Celle Morris ha scelto un piccolo prato in declivio dove costruire questa opera che, attraverso il gioco delle fasce bianche e verdi, fa riferimento all'architettura delle chiese romaniche toscane. Chi si addentra nel percorso, stretto e obbligato, avverte uno strano disagio psicologico dovuto a quelle righe che, inizialmente comprensibili, si deformano a causa del continuo saliscendi  a cui sottopone il percorso. Anche la geometria dell'opera non è immediatamente percepibile, si tratta infatti di un triangolo equilatero, forma decifrabile solo da una visione dall'alto.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti, per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. OK   LEGGI DI PIÙ