Daniele Lombardi

Daniele Lombardi (Firenze, 12 Agosto 1946 - Firenze, 11 Marzo 2018) è stato un compositore, pianista e artista visivo.
Ha compiuto un vasto lavoro sulla musica delle avanguardie storiche degli inizi del Novecento, eseguendo in prima esecuzione moderna un grande numero di composizioni di musica futurista italiana e russa.
La doppia formazione di studi musicali e visuali lo ha posto in una dimensione che ingloba segno, gesto e suono in una sola idea di percezione molteplice, tra analogie, contrasti, stratificazioni e associazioni. Dal 1969 ha prodotto disegni, dipinti, computer graphics, video etc. che sono frutto della transcodifica in immagini di un pensiero musicale, come una visualizzazione di energie che stanno a monte del suono stesso, come potenziale divenire.
Lombardiera convinto che l'espressione visiva si unisse a quella sonora in modo inscindibile e la sua ricerca spaziava tra visioni astratte interiori e l'idea di un impatto sulla quotidianità, tra il ready-made e il miraggio.
Nel 1998 è stato il primo artista invitato dallo SMAC (Sistema Metropolitano per l'Arte Contemporanea) a documentare per la Regione Toscana con esposizioni e concerti il suo lavoro multimediale, a Prato (Museo Pecci), Pistoia (Museo Fabroni) e Firenze (esecuzione delle Due Sinfonie per 21 pianoforti nel Cortile degli Uffizi).
Tra le sue mostre, in Italia e all'estero, ricordiamo: Guarda che musica, Galleria d'Arte Moderna, Palazzo Pitti, Firenze (2013); Silhouettes e altre musiche, Fondazione Mudima, Milano (2007); Effetto Serra, Giardino di Boboli, Firenze (2006); Enigmi Sonori, MLAC Museo Laboratorio di Arte Contemporanea, Università della Sapienza di Roma (2006); Musica inaudita. Ascoltar con gli occhi, Accademia Chigiana - S.Maria della Scala, Siena (2002); Augenmusik - Musica per occhi, Music Biennale - Berlino (2001); Virtual Music, IIC Spazio Italia, Los Angeles (2000); Labirinti, Museo Pecci, Prato (1998); Babele, Museo Fabroni, Pistoia (1998); Virtual Music, Fondazione Mudima, Milano (1997); Udir vedendo, Centro delle Arti Zamalek, Il Cairo (1996); Udir vedendo, Hotel de Galiffet, Istituto Italiano di Cultura, Paris (1993); Daniele Lombardi, I.C.A. Institut of Contemporary Arts, London (1992); Atalanta Fugiens, Galleria Carini, Firenze (1992); Per occhi e orecchi, Studio Morra, Napoli (1991); La metafora dello spazio, Repubblica di San Marino (1986); Il Rumore del tempo, Palazzo Novellucci, Prato (1983).


Per maggiori informazioni: www.danielelombardi.com

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti, per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. OK   LEGGI DI PIÙ